Il Morione
Eventi
http://www.ilmorione.it/eventi.html

© 2017 Il Morione  Associazione culturale storico oplologica - C.F. 92230760289 - info@ilmorione.it - Tel.+39 348 5013366    Definizioni e termini d'uso - Informativa trattamento dati personali

Home - Contatti - Area Associati

Eventi

Molti nostri associati svolgono attività sportiva agonistica, soprattutto con armi storiche, partecipando a gare di tiro ad avancarica ed ex-ordinanza. Ci sembra doveroso evidenziare gli eventi organizzati dall'Associazione e i risultati di coloro che si sono particolarmente distinti nelle rispettive discipline.

VII° Trofeo 4 Novembre

E' il settimo anno che ci incontriamo per il Trofeo organizzato dall'Associazione. La gara si è svolta nei giorni 4 e 5 novembre come ormai consuetudine a Lonigo . Questo incontro annuale, diventato un appuntamento atteso e apprezzato da un gran numero di appassionati, ha visto la partecipazione di armi ex-ordinanza a ripetizione manuale o semiautomatiche, senza distinzione ai fini della classifica, nella configurazione originale, con mire metalliche, nonché dotati di ottica di epoca conforme, nelle categorie: “Carcano”, riservata a fucili modello 91 in tutte le versioni, “Bellum”,  riservata a modelli di fucili in dotazione diffusa ai paesi belligeranti nei due conflitti mondiali e “Open”, tutti gli altri modelli ex ordinanza fino al 1955 purché conformi al regolamento UITS del Campionato Nazionale tiro ex-ordinanza e “Sniper”, riservata ai fucili ex ordinanza di modello fino al 1945 dotati di ottica conforme per tipologia ed epoca all’arma sulla quale è montata. Quest'anno c'è stata una novità: per la prima volta si è aggiunta la categoria "Pistole e revolver ex-militari" nella configurazione prodotta fino al 1945, nelle categorie "Pistole", "Revolver" e "Pistola Nazionale" e "Revolver Nazionale".
Per le Lunghe era prevista la posizione di tiro seduti con appoggio anteriore su rest con bersaglio da PL posto a 100 metri, le Corte: in piedi a 25 metri.
Ammessi complessivamente 11 colpi in 15 minuti per le Lunghe; per le Corte: 20 colpi complessivi in due manches da 10 minuti e 10 colpi ciascuna, con cambio bersaglio intermedio. Anche in questa 7^ edizione ha riscosso grande successo il "Tiro della fortuna" a 50 metri (25 per le corte), posizione in piedi, su sagoma tonda in legno decorata (tipo festscheiben), assegnata al tiratore autore del colpo più vicino al centro del bersaglio.



4° Trofeo 22 LR

Added from clipboard at 4/17/2012 9:07 PM.

Organizzato dall'Associazione Il Morione, il Trofeo si è svolto nei giorni 2-3-4 Giugno 2017 presso il poligono TSN di Padova.  L'incontro, quest'anno alla sua quarta edizione, è ormai diventato una manifestazione "classica" tra quelle promosse dalla nostra Associazione.
Programmato come di consueto per uno dei week-end di Aprile, è stato forzatamente spostato alla prima data utile, in relazione alla disponibilità del poligono e agli impegni degli organizzatori, a causa di una tardiva ordinanza del Comune che chiudeva al traffico la zona attorno al Tiro a Segno, per lo svolgimento di una maratona cittadina, proprio nella domenica selezionata quale giornata clou della gara.
La nuova collocazione temporale imposta da cause esterne ha avuto almeno un riflesso negativo, cioè di coincidere con uno dei "ponti" pre-estivi (del 2 giugno), che certamente ha sottratto qualche presenza al nostro appuntamento. Comunque, malgrado qualche linea vuota, soprattutto nella prima giornata, le prestazioni alla fine non sono mancate.
Il solito successo ha riscontrato il "Tiro della fortuna", dove la parte del leone l'ha fatta la coppia Castegnaro-Biolo aggiudicandosi, incredibilmente, tutti e quattro i tondi decorati messi in palio. Grande impegno e partecipazione da parte dei presenti, il tutto in un clima di sereno e cordiale agonismo che contraddistingue i nostri incontri. Tutto è filato liscio, grazie soprattutto al coordinamento sulle linee del Consigliere della Sezione Cinetto, alla efficiente gestione delle classifiche di Vanotti e alla collaborazione della Segreteria, nonché ovviamente al lavoro dei nostri Soci Calore, Mario, Parisotto, per citare solo  quelli  "di casa" nel poligono che ci ha ospitato. Malgrado l'imprevisto dello spostamento della data, che ha certamente pesato sui numeri, anche questa manifestazione sembra aver goduto di un elevato indice di gradimento che ci incoraggia  nel proseguire sulla strada che cerca di coniugare  competizione sportiva, storia e, soprattutto, sano divertimento.

Il '91 tra la neve

Una simpatica iniziativa di alcuni appassionati del nostro fucile nazionale.

A partire dal 2014, in concomitanza degli anni che scandiscono il centenario della Grande Guerra (quindi fino al 2018), un gruppo di cultori del tiro con il nostro Modello 1891 (conosciuto, sia pure impropriamente, col nome di Carcano), diversi dei quali soci del "Morione", ha ben pensato di ritrovarsi annualmente nel poligono di Feltre ai primi di dicembre, periodo "tranquillo" dal punto di vista delle gare ufficiali e dei trofei di tiro storico, per dar sfogo alla passione nei confronti di uno strumento così particolare, amato da alcuni, vituperato da molti, ma di indubbio fascino storico-oplologico. Così il giorno 11 dicembre la compagnia di ”bottaroli", come si definiscono con autoironia i partecipanti a tale evento, si è radunata per l'edizione 2016 nel rinnovato Tiro a Segno pedemontano: ambiente sempre suggestivo, situato in una vasta conca circondata dai colli pre-dolomitici, dove le strutture di contenimento e sicurezza dell'impianto non tolgono l'impressione di sparare "tra le montagne".
La formula della gara è inconsueta: il vincitore dell'edizione annuale si porta a casa il trofeo qui a fianco riprodotto, con l'impegno di rimetterlo in palio l'anno successivo. Al termine dell'ultima gara (2018) lo stesso verrà assegnato definitivamente al tiratore che avrà conseguito il punteggio più alto nel corso dei 4 incontri annuali. Anche il conteggio dei punti avviene con modalità alternative rispetto alle consuete gare ex-ordinanza, in quanto vengono considerati solo i colpi piazzati nella visuale nera del bersaglio posto a 100 metri: criterio ulteriormente selettivo per una specialità che già in sé richiede - per il tipo di arma usata - particolari accorgimenti di ricarica e puntamento, direi quasi una specifica sensibilità per "interpretare" tecnicamente uno strumento a suo modo unico nel panorama delle armi lunghe militari del XX secolo. E in questo arduo compito è riuscito egregiamente il nostro socio e consigliere Alessandro Bison, peraltro appassionato cultore e ottimo conoscitore di storia e tecnica dell'oggetto in questione, che per il secondo anno consecutivo si è aggiudicato per il secondo anno consecutivo l'ambito trofeo.
Al di là della gara vera e propria, e del simpatico contorno dei tiri ai ƒestscheiben, l'incontro ha rappresentato un'occasione di scambio di opinioni, informazioni e di presentazione di curiosità collezionisti che, come nel caso dei due splendidi esemplari “antagonisti” muniti di ottica d'epoca (un '91 e un Mannlicher 95) portati da un partecipante, appassionato di sniper storici - giustamente orgoglioso delle sue "creature": meritata passerella per due pezzi eccezionali, che hanno suscitato ammirazione e benevola invidia tra i tiratori presenti.

VI° Trofeo 4 novembre

Added from clipboard at 4/17/2012 9:07 PM.Lonigo, 19-20 Novembre 2016. Chi fa le cronache di questi avvenimenti è portato, magari per motivi di "scuderia", ad amplificare gli esiti positivi della manifestazione. Ma in questa occasione nessuna forzatura - se non la pura constatazione dei fatti - si rende necessaria per definire "un completo successo” l'incontro che ha avuto luogo presso la Sezione TSN di Lonigo, che ha accolto con la consueta generosa disponibilità, impersonata dal Presidente Mario Toniazzo, la nostra gara. Queste le cifre: 133 prestazioni su 136 turni disponibili, 51 partecipanti, 87 "tiri della fortuna" e, fattore del tutto aleatorio in questa stagione ma fondamentale per la buona riuscita della competizione, due giornate con condizioni atmosferiche che hanno consentito una buona visibilità. Anche l'organizzazione non ha mostrato falle, in un incontro che prevedeva turni serratì e richiedeva pertanto un perfetto sincronìsmo nel cambio dei bersagli, nonché un assiduo impegno nel controllo dei punteggi: merito incontrastato del nostro socio Andrea Tosin e dell' efficiente gruppo di collaboratori da lui coordinato.
Passando alla valutazione puramente sportiva, nessuno può negare che i risultati si commentano da soli: dal 99 su 100 con 5 mouches di Salardi nella categoria "Bellum" al 94 di Castegnaro nella "Carcano" e al 98 di Marchioro nella "Open", fino alle 10 mouches di Negro nella "Sniper". Ma ancora Una volta la parte più divertente dell'incontro si è realizzata nei "tiri della fortuna" ai fest-scheiben, decorati tutti con soggetti attinenti la Grande Guerra, in sintonia con il centenario di quell'evento e con diverse delle armi usate nelle prove di tiro. ln tale ludica competizione, del tutto estranea alle classifiche ufficiali, il tiro istintivo di qualche outsider, grazie anche alla posizione in piedi, spesso ha avuto la meglio sui tentativi dei “fuoriclasse” dell'ex-ordinanza, abituati a sparare seduti e in comodo appoggio. La competizione si è svolta nelle mattinate di sabato e di domenica. Al termine delle prestazioni i tiratori presenti, in attesa della premiazione, hanno potuto consumare lo spuntino offerto dall'organizzazione, commentando, tra un morso al panino e un sorso di vino, i risultati.
Alla fine i numerosi tiratori che sono rimasti presenti alla premiazione (anche quelli che nulla si aspettavano!), gli applausi sinceri, i visi sorridenti e i saluti calorosi hanno contribuito,se pure ce ne fosse stato bisogno, a rafforzare l'opinione che questo incontro annuale costituisce ormai  un appuntamento atteso e apprezzato da un gran numero di appassionati del tiro ex ordinanza.

B. Lavarone

3° Trofeo 22 LR

Added from clipboard at 4/17/2012 9:07 PM.Anche questa primavera 2016 ci siamo ritrovati presso il poligono TSN di Padova per quello che è diventato ormai un appuntamento tradizionale per gli amici del Morione: la gara a 50 metri con carabine in cal 22 LR, il calibro più diffuso ed economico, che permette comunque di spaziare nella storia delle armi per quanto relativamente recente (questa munizione è stata introdotta, come tutti sanno, verso la fine del XIX secolo), assecondando così anche una delle principali finalità del nostro sodalizio: contribuire a fare cultura storica divertendosi. È stata così confermata la formula degli anni precedenti, che, accanto alle specialità dedicate alle armi con ottica più o meno sofisticate, pone particolare rilievo alla specialità "trainer", cioè al tiro con carabine usate in assato per l'addestramento militare "in configurazione originale”, come recita il regolamento di gara.
Anche nel consueto "tiro della fortuna" su bersagli tondi di legno decorati, si è voluto sottolineare l'aspetto storico-culturale, adottando delle riproduzioni di antichi scheiben, alcuni dei quali risalenti alla metà del '700, dal temi più svariati, com'era - ed è tutt'ora - costume per questa specie di rito della tradizione popolare (non priva talvolta di riferimenti ”colti") mitteleuropea: dalla mitologia alle celebrazioni nuziali, dai fatti della comunità ai riferimenti astrologici.
A differenza della precedente edizione, nella quale l'afflusso inatteso di partecipanti aveva determinato qualche ritardo nelle premiazioni, questa volta una più accorta programmazione ha consentito di rispettare i tempi previsti, grazie anche alla preziosa e diffusa collaborazione degli amici del TS di Padova, in primo luogo dei consiglieri Cinetto, che ci segue con paziente dedizione fin dalla prima edizione dell'evento, e Calore (nostro socio da quest'anno), nonché del direttore di tiro Parisotto, tra più attivi e presenti membri del ”Morione" (si veda il suo bel saggio pubblicato sul nostro notiziario).
Visto che siamo in tema di ringraziamenti, non possiamo di certo ignorare l'aiuto prestato da Giancarlo Mario, anche lui nella doppia veste di "padrone di casa" e nostro socio, ne' la collaborazione della Segreteria della Sezione, il tutto, ovviamente, in armonia con la cortese disponibilità manifestata dal Presidente Marco Piovan.